Come energia principale per la fotosintesi, la luce è di fondamentale importanza per le piante. La crescita delle pianti e il loro sviluppo sono significativamente influenzati sia dalla quantitá sia dalla qualitá della luce. Tradizionalmente, la luce è composta da onde elettromagnetiche, le cui lunghezze d´onda sono misurate in nanometri. Nella fisica quantistica invece, la luce non viene piú considerata come composta da onde, bensí da fotoni. Ogni singolo fotone possiede una piccola quantitá di energia che puó essere misurata in in mol (1mol = 60,2 x 1023 fotoni).

In agricoltura ed in orticoltura, l´irraggiamento viene misurato a seconda di diverse lunghezze d´onda:

La radiazione globale (lunghezza d´onda da ca. 300 fino a 1100 nanometri) ricopre l´intero spettro di radiazione emesso dal Sole. La misurazione della radiazione globale è molto importante per il calcolo dell´Et (evapotraspirazione) e delle applicazioni dell´energia solare.

Le radiazioni PAR (=Photosynthectic Active Rays / radiazione fotosinteticamente attiva – con lunghezza d´onda da ca. 400 fino a 700 nanometri) ricoprono le lunghezze d´onda che sono utilizzate prevalentemente dalle piante durante la fotosintesi.

I raggi UV (lunghezza d´onda da ca. 250 fino a 400 nanometri) sono causa di stress che vá ad inibire la fotosintesi e ad arrecare danni al DNA delle piante. La misurazione dei raggi UV è inoltre utilizzata per determinare l´efficacia dei sistemi di copertura e d´ombra delle serre.